Arredare un monolocale


Se i metri sono pochi, la fantasia deve compensare la mancanza di spazio. è questo il punto di partenza per chi sceglie di andare a vivere in un monolocale: i vantaggi della vita da soli, in un ambiente intimo e raccolto, non possono essere annullati da un arredo improvvisato e poco attento alle dimensioni dell'ambiente in cui va inserito. Ecco che quindi l'arredamento diventa, per un monolocale, un aspetto da considerare con attenzione ancora maggiore rispetto a quanto non sia per altri generi di immobili: oggetti che sfruttino gli spazi al meglio, idee creative e non scontate (ma non per questo troppo costose!), progetti personalizzati e razionali possono aiutarci a non rimpiangere ambienti più grandi e composti da più locali.

Bandito il superfluo, benvenuta essenzialità

Dotare un monolocale di tutte le aree di cui si compone una casa non è impossibile, anzi: occorre semplicemente riflettere bene prima di cominciare a riempirlo di mobili e oggetti per la casa, puntando alla razionalizzazione degli spazi. Ricorda: il nemico del monolocale è il disordine. Ogni cosa deve essere al suo posto, per poter ricreare, anche in spazi ridotti, le “stanze” di cui abbiamo bisogno. Gli ambienti indispensabili, innanzitutto: ci serve una cucina, un bagno, una camera da letto. Ma anche un ingresso, una zona giorno e una zona studio. Impossibile? Forse no.

L'ingresso

La zona d'ingresso, anche in uno spazio piccolo, è fondamentale, perché serve ad accogliere noi e i nostri ospiti nella nostra dimora. Sfruttiamo quindi una parte della parete accanto alla porta per collocarci un attaccapanni a muro ed uno specchio a mezzo busto con, immediatamente sotto, una mensola (per le chiavi) e una cassettiera o, in alternativa, una scarpiera. Ecco composto un accogliente ingresso per dare il benvenuto.

La cucina

Indispensabile locale per ogni casa, in un monolocale si trasforma, per forza di cose, in un angolo cottura che, non per questo, non dovrà essere meno funzionale e ben progettato. Se degli arredi realizzati su misura restano la soluzione ideale, è comunque possibile ricorrere a progetti standard che puntano tutto sul "salvaspazio", riproducendo in piccolo tutti gli elementi di una cucina vera e propria. Questo significa avere due soli fuochi e non quattro, una sola vasca nel lavello, un forno che sia anche microonde, un frigorifero che sfrutti l'altezza e che sia più stretto. Occorre, poi, utilizzare il muro con mensole e barre di metallo per appendere utensili e ridurre la necessità di cassetti. Tavolo e sedie saranno, necessariamente, richiudibili. Parola chiave: ottimizzazione.

La camera da letto e il soggiorno

Anche se il monolocale è associato all'idea del divano letto da aprire e chiudere ogni giorno, le nuove proposte dell'arredo hanno aiutato a sfatare questa brutta immagine di scomodità e angustia. Una soluzione, ad esempio, è rappresenta dal letto a soppalco, che permette di tenere in casa un letto matrimoniale, recuperando ulteriore spazio al di sotto. Per quanto riguarda l'armadio, è meglio sceglierlo con porte scorrevoli, per evitare che ingombri, e soprattutto è preferibile che sia alto, in maniera tale da sfruttare tutto il muro. Nell'area sotto il soppalco si recupera lo spazio per un divano e l'area giorno; dei pouf, dei cuscini o delle poltroncine potrebbero dar vita ad un mini salotto, un impianto stereo e un tavolino sarebbero due elementi ideali per rendere tutto perfetto. Mensole poste dove possibile saranno la nostra libreria.

Il bagno

Oltre ai servizi, nel bagno non dovrà mancare uno specchio sul lavandino e un mobiletto: se riusciamo ad inserirne più di uno potremmo tenere qui i detersivi o gli asciugamani. La lavatrice avrà la carica dall'alto, perché occupa meno spazio. Ovviamente è preferibile il box doccia alla vasca, ma tutto dipende dalle dimensioni della stanza. Anche in questo caso, mensole e ganci appendiabiti servono a sfruttare bene i metri quadri delle pareti. L'importanza dei dettagli Accanto a questi consigli, la regola d'oro è una: i dettagli aiutano a personalizzare e a rendere unici gli spazi. Benvenuti, quindi, cuscini, tende, separé in stile retrò, specchi e tappeti; occhio ai colori, che non devono essere troppo forti ma anzi sobri e neutri: il monolocale sembrerà più grande ed accogliente. Qualche tono acceso, infine, servirà a personalizzare ulteriormente la stanza, mentre un buon gioco di luci renderà il monolocale unico e assolutamente impeccabile.